Tavernerio: PS2 e Meriggi MTB

26/03/2016 (Sabato) – Unico giorno buono in questo week end di Pasqua.
Io, Davide e Andrea iniziamo già a smaltire quello che non abbiamo ancora mangiato!
Ci dirigiamo verso Tavernerio (CO), per raggiungere le bellissime discese della Enduro Cup Lombardia. Quest’anno, a differenza di quello passato, la gara ci sarà… e qualcuno ci sta facendo un pensierino 😉
Abbiamo già scritto più articoli sui tracciati di questa zona, senza però parlare di un nuovo tracciato: la Meriggi.
Esisteva già come single track ma negli anni scorsi era stato abbandonato a causa di alberi caduti.
Alcuni bikers (credo) volenterosi si sono dati da fare e l’hanno riaperta, facendo tutto sommato un bel lavoro.
Credo, vista com’era messa, che siano ancora dietro con i lavori.

Oggi eravamo “di fretta”, non abbiamo nemmeno foto da piazzare in copertina! 🙂

Auto al nostro solito parcheggio a Ponzate, saliamo a buon ritmo, facciamo anche i “fighi” (colpa mia) tagliando un paio di tornanti attraverso il passaggio pedonale a pendenza estrema e in circa 80 minuti siamo alla baita Bondella.
Pranzetto veloce, uno sguardo al “panorama” ( 😉 ) e siamo pronti a scendere.
Bellissimo traversone e arriviamo all’inizio della PS2.
La conosciamo bene ormai, oggi siamo un trenino… tutti uno dietro l’altro, poi è asciutta e bella pulita, si fila via lisci!
Arriviamo a metà, dove la PS3 incontra la risalita di un’altra PS e pedaliamo fino a trovare l’inizio della Meriggi, facilmente riconoscibile: ci sono delle frasche sulla destra e scende abbastanza in picchiata. Si trova a metà circa fra l’incrocio della PS2 con la risalita e l’inizio della “PS1 Bolli”.

Altra pausa, Andrea prova la Patrol, visto che a breve… sssssh! 😉
e siamo pronti a provare questa “nuova” discesa.

Ci andiamo cauti visto che non sappiamo cosa ci possiamo trovare davanti.
Primo tratto in forte pendenza abbastanza pulito, dopo 300 metri inizia ad essere più scassato, anzi… sporco! Sassi smossi ovunque, pericolosi direi a volte.
Si arriva ad un piccolo ripidone e ci si “butta” in uno sterrato più ampio.
Qui si passa sotto a migliaia di alberi caduti, a volte il sentiero si snoda proprio fra i ceppi enormi di questi ultimi.
Ovviamente sempre tutto su questi sassi. Verso la metà c’è un bel drop, fortunatamente non è alto e l’atterraggio è pulito.

Altro “slalom” fra gli alberi caduti/tagliati e inizia un pezzo tutto guidato, compresi 3 tornantini stretti, questo è davvero bello come tratto (tranne il primo tornate che ha un ceppo assassino proprio nel mezzo).
Segue un bel curvone verso destra e un drop con passerella in legno. Fine! Si arriva paralleli alla PS1 Bolli.

Non ci ha entusiasmato molto, a parte l’ultimo pezzo… direi che attenderemo la fine dei lavori, se davvero non è finita!

Bene, abbiamo smaltito, abbiamo “studiato” una delle prove speciali e sappiamo anche dove non mettere le ruote almeno per un po’ 😉

TRACCIA GPS:

Scarica

Video della mezza PS Bondella (PS2 – 2016)

Video della nuova Meriggi (PS3 – 2016)

Daniele

Attenzione - Scarico di Responsabilità:
Gli itinerari illustrati in questo sito sono stati percorsi in prima persona dagli autori degli articoli e le relative descrizioni sono frutto di libere considerazioni personali.
Chi decide di percorrere tali itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.
La Gestione del sito www.MyTrails.it declina qualsiasi forma di responsabilità nei confronti di coloro che, in base a proprie libere valutazioni, decidano di percorrere gli itinerari qui descritti, anche se in possesso delle cartine o delle tracce GPS da noi elaborate e/o presenti in rete.