Monte San Giacomo: piccolo bike park artigianale

14/12/2013 (Sabato) – Il meteo prosegue a stupirci e io ne approfitto per un’esplorazione solitaria. Un ragazzo mi ha parlato di una specie di “bike park” abbastanza vicino casa (zona Casale Litta) che tempo fa ha scoperto con la sua MTB e mi ha fatto venire l’acquolina in bocca parlando di salti e rampe. Le indicazioni che mi ha dato per raggiungerlo sono un poco vaghe ma un paio d’ore passate davanti al computer a sfogliare cartine e video amatoriali mi hanno messo sulla pista giusta. Si parte!

Parcheggio la macchina, salto in sella e imbocco una salita asfaltata nei pressi di Varano Borghi che ben presto diventa sterrata con pendenza leggera e costante. Un paio di tornanti, si passa sotto un arco della ferrovia, si sale ancora ed ecco che dopo un pò lo sguardo mi cade sulla destra e capisco di essere nel posto giusto: si vede l’arrivo di un sentiero con una piccola rampa artificiale finale. Riconosco di averla vista in un video amatoriale, ci siamo!

Rampetta finale di arrivo
Rampetta finale di arrivo
Strada iniziale
Strada iniziale

Ben presto raggiungo Cuirone (frazione di Vergiate) e qui bisogna entrare nel bosco e prendere l’unico sentiero percorribile che porta alla vetta. C’è anche la possibilità di una variante pedonale “direttissima” per chi avesse una irrefrenabile voglia di spallare.

Area 51 / 4

Salendo incontro una traccia “bike park” che scende e mi distraggo andando a vedere rampe e affini. Purtroppo sono così distratto che dimentico di fare molte fotografie, tuttavia non è un grande perdita viste le pessime performance artistiche del cellulare che sto usando.

Area 51 / 5

Area 51 / 6

Arrivato quasi in vetta mancano solo da superare gli ultimi gradini.

Area 51 / 7

Ed eccoci proprio in “cima” al mitico …Monte San Giacomo!

Area 51 / 8

Il comodo tavolone mi invita a fare una pausa e nel frattempo penso a come affrontare la discesa visto che sono da solo e sprovvisto di protezioni varie (classica scusa da “Shit Italian Mountainbiker“). Dopo qualche minuto arriva un ragazzo, bardato da vero freerider con una bella bici full anonima e dalle coperture veramente estreme. Scambiamo qualche parola e mi dice di essere uno dei curatori di questo “Bike Park” artigianale. La partenza dei vari percorsi che scendono è proprio dalla cima dove siamo. La via diretta prevede di buttarsi giù dalla parte più ripida dove volendo si può già saltare alla grande.

Direttissima
Direttissima

Altrimenti si può scendere dalla parte opposta, aggirando poi la cima percorrendo un bel saliscendi, dove non c’è rischio di ribaltarsi già in partenza 🙂

Area 51 / 10

Il ragazzo parte a cannone e lo vedo allontanarsi saltando qua e la come una cavalletta, mentre io mestamente mi accingo ad esplorare la prima traccia, direzione sud-est, che è anche la più nascosta: stretta, molle, poco battuta, ripida, con due rampe artificiali e due grossi saliscendi naturali. Davvero carina!

Area 51 / 11

Area 51

Area 51 / 12

Area 51 / 13

Area 51 / 14

Area 51 / 15

Area 51 / 16

Arrivo traccia sud-est
Arrivo traccia sud-est

A questo punto non mi resta che tornare in cima per un sentiero “diretto” a carattere pedonale (per la maggior parte ho spinto la bici) e cimentarmi con un altro percorso il quale è il vero protagonista di questo “bike park”. Traccia davvero carina, scende a est, ha la possibilità di seguire più linee in alcuni punti che è fuorviante la prima volta, ma sono sicuro che appena conosciuto il tracciato sarà divertentissimo e si potrà fare tutto d’un fiato con somma soddisfazione. Nonostante me lo fossi vietato, mi sono lanciato anche su una rampetta artificiale (la più piccola), davvero divertente.

Arrivato sulla strada che sale, quella postata all’inizio di questo report, non resta che ripercorrere un pezzo di salita e poi prendere un sentiero laterale nel bosco che, su una discesa infinita, molto sassosa (stile Martica) e ricoperta di foglie bagnate ( =scivolose ) mi riporta direttamente all’auto.

Pomeriggio breve ma di successo: ho trovato quello che cercavo, ora non resta che tornarci tutti insieme per divertirci alla grande!

Davide

Traccia GPS:

Scarica

 

Attenzione - Scarico di Responsabilità:
Gli itinerari illustrati in questo sito sono stati percorsi in prima persona dagli autori degli articoli e le relative descrizioni sono frutto di libere considerazioni personali.
Chi decide di percorrere tali itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.
La Gestione del sito www.MyTrails.it declina qualsiasi forma di responsabilità nei confronti di coloro che, in base a proprie libere valutazioni, decidano di percorrere gli itinerari qui descritti, anche se in possesso delle cartine o delle tracce GPS da noi elaborate e/o presenti in rete.