Cardada (Locarno) – Cardada Bike

08/07/2018 (Domenica) – Prima di andare ad intraprendere questo giro ho fatto parecchie ricerche, sapevo che era un giro più verso l’XC o AM tranquillo, l’unica cosa che mi ha spinto ad andare a vedere questo trail è la posizione: dalla cima si vede bene il Lago Maggiore, la piana di Magadino, il Tamaro e la zona della Verzasca.
Inoltre ho bisogno di un po’ di allenamento, la salita è lunga ma quasi tutta su asfalto.
Non ho molte aspettative, ma almeno mi tolgo ‘sto trail dalla balle 🙂

Mi dirigo con l’auto verso Tenero, e seguo le indicazioni del navigatore fino a Brione sopra Minusio, sperando di trovare parcheggio. Magicamente trovo un buchetto sotto ad una P bianca senza disco-orario o parchimetro.
Spero di essere in regola, qui non si scherza un c***o!
Poco prima delle 9:30 sono in sella. Mi metto l’animo in pace, so che sarà una lunga salita. Seguo la traccia che ho trovato online, ma le indicazioni sono chiare, basta seguire il sentiero 397 (in salita).
Io evito di partire da Locarno, troppo asfalto anche in discesa da fare, quindi parto “alto” a quota 320 m.

Giornata fantastica, c’è un leggero venticello e non fa troppo caldo. In poco tempo arrivo a Monti della Trinità dove mi immetto nella traccia ufficiale del giro e via che si sale per circa 13 km

Tre piccole soste, ho cercato di non forzare troppo e pedalare continuativo e verso mezzogiorno arrivo all’ultimo tornante.
C’è un bel traversone in piano da fare tutto pedalato e appena si apre il bosco si inizia a ragionare col panorama.

OCIO AI PEDONI!

Proseguo in leggera salita, seguo le indicazioni e in poco tempo il traversone finisce

Arrivo nei presi della Capanna lo Stallone, ma io punto la croce, così da poter vedere meglio la piana di Magadino e il lago.

Non male dai 😉

Si capisce anche da dove inizia la discesa…

Mezz’oretta di pausa e son pronto per la discesa, o quasi.. ho dimenticato i guanti… e gli occhiali!

La discesa è praticamente un’autostrada, nessuna difficoltà tecnica fino a quando la traccia ufficiale finisce sulla strada, dove io ho deciso di non seguirla, ma rientrare nel bosco e proseguire per altri 200 m di dislivello negativo su sentiero.
Qui diventa decisamente più lento e tecnico, ma non impossibile, basta prestare attenzione a dove si mette l’anteriore!
(Non mi assumo  nessuna responsabilità, leggere bene in fondo a questo articolo)

Alle 13:15 chiudo il giro, abbastanza soddisfatto e senza la sorpresa della multa che per tutta la salita mi ha tormentato.

Video della discesa:

Link della (mia) traccia GPS:
http://tc.mtb-mag.com/traccia.php?id=467107

i dati relativi al dislivello e alla lunghezza sono errati.
Ho percorso circa 25 km per 1200 m di dislivello.
La velocità è giusta, andavo fortissimo!!! ….
scherzo 🙂

Consiglio questo trail agli amanti della salita e a chi poco importa la discesa. Da fare sicuramente in compagnia e magari con una mangiata alla Capanna!
Così magari lo rifarei 😉

Daniele

Attenzione - Scarico di Responsabilità:
Gli itinerari illustrati in questo sito sono stati percorsi in prima persona dagli autori degli articoli e le relative descrizioni sono frutto di libere considerazioni personali.
Chi decide di percorrere tali itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.
La Gestione del sito www.MyTrails.it declina qualsiasi forma di responsabilità nei confronti di coloro che, in base a proprie libere valutazioni, decidano di percorrere gli itinerari qui descritti, anche se in possesso delle cartine o delle tracce GPS da noi elaborate e/o presenti in rete.8