Monte Generoso: La Tripletta, giro definitivo ad anello su Casima (Cabbio) 2017

12/08/2017 (Sabato) – L’ultima volta che siamo stati sul Monte Generoso per fare il classico giro ad anello con partenza da Cabbio, non eravamo molto soddisfatti, da Erbonne si perdeva un sacco di dislivello su un’ampia mulattiera.
Fortunatamente abbiamo recuperato una traccia GPS (tramite Bike&Co. e collega) che permette di “valorizzare” di più questo giro.
Sono tutti in ferie, quindi in solitaria, traccia alla mano sono andato a provare questo giro: “La Tripletta del Generoso”.
La salita è lunga e una sola, le discese sono tre e bellissime!
La prima parte dalla stazione di vetta fino a Orimento.
La seconda da Orimento arriva a Erbonne.
La terza, dopo un breve trasferimento da Erbonne arriva fino a Muggio.
In seguito ci sono 4 km per tornare all’auto, in salita abbastanza stancante.

50 minuti di auto, parcheggio nei pressi della Località Casima (Cabbio) alla fermata del postale.
Alle 8:30 sono in sella, mi dirigo verso il paesino sopracitato.
Attraverso le viuzze, tenendo sempre la sinistra, raggiungo l’inizio del sentiero, ben battuto. Arrivato al cimitero tengo la destra, la vegetazione (rovi) ostruisce un po’ il passaggio ma con la maglia a maniche lunghe vado deciso senza problemi.
Dopo pochi minuti incrocio il sentiero che sale da Cabbio, quindi ora la salita è la stessa fino in cima. Posso mettere via la traccia e proseguire a memoria.
Per le foto o info sulla salita potete consultare i vecchi articoli:
2016, 2014, 2013

Raggiunto l’agriturismo Dosso dell’Ora incontro loro

Da qui, la salita si fa meno impegnativa. Arrivo all’osteria La Peonia e mi fermo per una piccola pausa.

Proseguo e dopo 2 ore e 30 dalla partenza raggiungo l’inizio della prima discesa.
Evito di salire fino cima, tira un bel po’ di vento e poi ci sono già stato parecchie volte 🙂

Questa è in comune con i giri precedenti, ma il sentiero è stato pulito nella seconda parte ed è diventato più scorrevole.
Il primo pezzo è un po’ esposto, essendoci dei pedoni a volte bisogna fermarsi, hanno loro la precedenza.
In pochi minuti arrivo ai ruderi dove immergo le gambe nelle ortiche, le ginocchiere servono anche a quello 🙂

Questo è il tratto più “scassato” ma facilmente percorribile. Raggiungo il ponticello prima dei pratoni e pedalo in piano fino a poco prima della Baita di Orimento, dove c’è la sbarra.
Video della prima discesa:

Dalla sbarra prendo il sentiero che scende sulla destra, inizialmente su prato, raggiunta una baita in rovina si scende a destra e si segue per Erbonne, qui si entra nel bosco e si inizia a ballare un po’.
Brevi tratti con rocce alternati a flow con terreno perfetto.
A conoscerla ci si può divertire parecchio!
La traccia qui è una, si può “raidare” senza preoccuparsi di sbagliare.
Una volta fuori dal bosco il sentiero si allarga, si passa due volte attraverso un torrente (secco), 4 pedalate in salita e si arriva a Erbonne, nei pressi di un’area picnic dove ci sono le indicazioni per proseguire.
Video della seconda discesa:

Si continua entrando nell’area picnic sulla destra, si scende dalle scale e si attraversa il ponte ciclo-pedonale.
Ora inizia un trasferimento di circa 3 km, in un singletrack carino con continui sali/scendi, poi breve strappetto e giunti ad una cappelletta il sentiero si allarga fino ad entrare a Scudellate, si prosegue nell’unica via su asfalto in leggera salita, si attraversa Roncapiano e poi si punta una chiesetta dove la strada finisce.
Guardando successivamente la mappa sarei potuto passare da un sentiero sulla sinistra, una volta arrivato a Camasciora, per evitare l’asfalto e magari la leggera salita. La prossima volta farò più attenzione.

Tratteggio in giallo

Si passa a sinistra della chiesetta, al bivio si tiene la sinistra e si entra nel bosco.
Da qui inizia ufficialmente la terza discesa, molto simile alla seconda ma più scorrevole. Ci sono anche dei tornantini, non troppo stretti dove provare il nosepress senza pericoli, anche se non necessario.
Incontro anche qui pedoni… fare attenzione!
Seguo le indicazioni per Muggio, all’unico bivio poco dopo una baita.

Il singletrack diventa mulattiera e finisce al ponte da dove passa il torrente Breggia.
Anche questa discesa promossa. Il sentiero era pulito e le linee da seguire chiare.

Video della terza discesa:

Dal ponte ora si seguono le indicazioni per Muggio e ahimé si parte subito con un bello strappo in salita. Arrivati in paese e passata la fermata del pullman si tiene la destra così da evitare il centro di Cabbio, si scende lungo i tornanti sempre su strada asfaltata e si risale fino a tornare alla macchina (dal ponte circa 4 km)

Termino il giro alle 12:45! Un giro del genere in mattinata, spettacolo! Lo terrò buono per le prossime gite “flash”.

Traccia GPS (28 km per +1100 m forse… il GPS ha un po’ sfasato)

Distanza totale: 28.03 km
Altitudine massima: 1578 m
Altitudine minima: 533 m
Tempo totale: 04:12:58
Scarica

Tanta roba “La Tripletta”!
Finalmente questo giro ad anello ha un senso!

Daniele